A Ravenna è tempo di “GiovinBacco”

Dal 23 al 25 ottobre il centro storico ospita la grande festa del vino e cibo di Romagna in versione “stilnovo”, per divertirsi in sicurezza.

Il vino in 4 location diverse con accessi regolati per il pubblico

“GiovinBacco. Sangiovese in Festa”, la più grande manifestazione enologica dedicata al Romagna Sangiovese e agli altri vini romagnoli, giunge alla XVIII edizione e si appresta a conquistare ancora una volta il cuore di Ravenna, dopo il grande successo delle ultime edizioni. Il 23, 24 e 25 ottobre il centro della città per tre giorni diventa teatro del buon vino e del buon cibo di Romagna. E come ogni anno si arricchisce di nuovi luoghi e proposte per il pubblico. Quest’anno GiovinBacco “stilnovo” in primo luogo si terrà in linea con il pieno rispetto dei protocol- li di sicurezza dettati dalla lotta al Covid. In particolare, per evitare assembramenti in piazza, le cantine saranno ospitate in 4 diuerenti location, con accesso scaglionato e regolato del pubblico. Sarà una festa ancora più slow, in cui sarà possibile instaurare un rapporto più intimo e meditato con il vino e più diretto con sommelier e vinicoltori, e in cui la sicurezza si coniugherà con il gusto e il divertimento. Inoltre lo “stilnovo” della festa è un libero richiamo poetico a Dante nell’anno delle grandi celebrazioni che si è appena aperto.

Realizzato con il patrocinio e la compartecipazione del Comune di Ravenna, nonché con la collaborazione di numerosissimi soggetti pubblici e privati, tra cui APT Emilia-Romagna, l’evento è presentato in Municipio a Ravenna dall’Assessore al Commercio e alle attività produttive del Comune Massimo Cameliani, dal Presidente dell’agenzia Tuttifrutti Nevio Ronconi e da Maria Angela Ceccarelli e Mauro Zanarini della Condotta Slow Food di Ravenna.

L’Assessore al Commercio e alle attività produttive Massimo Cameliani in particolare ha sottolineato: “Siamo lieti di dare il nostro sostegno anche in un anno molto speciale come questo a una manifestazione importante come GiovinBacco, che per tre giorni anima il centro della città e richiama a Ravenna tanti visitatori e molte eccellenze della nostra produzione enogastronomica. La presenza di GiovinBacco nel cuore di Ravenna costituisce un forte fattore di attrazione di cittadini e turisti nel nostro centro storico, tale da renderlo sempre più bello e accogliente. La manifestazione è importante anche perché sa fare rete, sa valorizzare i produttori, gli agricoltori e gli artigiani del territorio e sa integrarsi con la rete commerciale del centro, che a sua volta ne trae importanti benefici. Un modo virtuoso di fare sistema per Ravenna e per la Romagna. E proprio per questo, in una stagione in cui l’emergenza sanitaria ha creato tante diflcoltà alle imprese del territorio, è importante ourire loro opportunità di rilancio come GiovinBacco. Allo stesso tempo è un segnale di vivacità e di rilancio della città e per la città, che ha già dimostrato di sapere fare le cose per bene, in sicurezza, e di saper reagire alle diflcoltà della fase che stiamo vivendo.”

I LUOGHI DEL VINO

GiovinBacco propone i vini di Romagna in degustazione in 4 location diverse: Palazzo Rasponi dalle Teste, Mercato Coperto, Palazzo dei Congressi e Biblioteca Classense. Il pubblico potrà assaggiare i vini romagnoli di oltre 40 cantine: Sangiovese, Albana e tanti altri vini locali a scelta dei diversi produttori. L’accesso del pubblico – dotato di mascherina – sarà regolato e scaglionato. I biglietti d’ingresso ai luoghi per degustare il vino si acquistano online già dai prossimi giorni e poi nel chiosco di Piazza del Popolo e allo IAT in Piazza San Francesco a Ravenna, a partire dal 17 ottobre. Sono in vendita carnet da 4 tagliandi per le degustazioni con o senza calice (10 euro con il calice, 9 euro senza calice). Ogni prenotazione online è personale. Ogni persona prenota il luogo e l’orario d’ingresso

per le degustazioni e, ovviamente, può acquistare voucher di prenotazione per l’accesso a diuerenti luoghi, a diversi orari e con più degustazioni. Per accedere al luogo della degustazione bisogna presentarsi all’ingresso all’orario stabilito e mostrare il voucher di prenotazione.

LE PIAZZE DEL CIBO

In Piazza Kennedy sono presenti i chioschi di 4 ristoranti del territorio:

Ristorante del Mercato Coperto (Ravenna)

Osteria Bartolini del Gran Fritto (Milano Marittima) Osteria I Passatelli del Mariani (Ravenna)

Osteria La Campanara (Galeata)

Sulla stessa piazza sono presenti:

lo spazio di Slow Food e de Il Lavoro dei Contadini con alcune bancarelle il chiosco della birra Bizantina

il chiosco del vino sfuso della Cantina Spinetta il chiosco di Coop Alleanza 3.0

In Piazza Garibaldi sono presenti alcuni chioschi a cura di CNA Ravenna:

2 chioschi di piadina

2 chioschi di pasta fresca ripiena 1 chiosco di birra artigianale

1 chiosco di vino sfuso della Cantina Spinetta

 

L’accesso ai vari chioschi deve avvenire in regola con le norme del distanziamento e dell’igiene. La mascherina va indossata come da protocolli di sicurezza.

LA BOTTEGA DEL VINO

In Piazza XX Settembre è possibile acquistare il vino di Romagna ouerto dalle cantine presenti alla manifestazione. La vendita è a scopo benefico e parte del ricavato è destinato ad interventi sociali per il territorio. Il banco per la vendita del vino anche quest’anno è gestito dai volontari del Lions Club Ravenna Bisanzio.

DIWINE EXPERIENCE

Dalla collaborazione fra GiovinBacco e DiWineExperience nascono due nuove proposte per il pubblico:

“Vini e Giullari: spettacolo itinerante con degustazioni presso GiovinBacco” “GiovinBacco on tour: degustazione olio e vino a Brisighella”

“Vini e Giullari: spettacolo itinerante con degustazioni presso GiovinBacco” è un viaggio fra storia, arte, tradizioni, leggende, miti, misteri, nei vicoli di Ravenna, dove l’improvvisazione teatrale si fonde con la realtà, regalando momenti di cultura, divertimento, degustazione e condivisione. Per conoscere attraverso l’arte teatrale immersiva la relazione centenaria fra il vino, la storia e la città di Ravenna, relazione che si celebra con una degustazione guidata finale di vini eccellenti territoriali in occasione di GiovinBacco 2020. L’esperienza ha durata totale di 1 ora e mezza. Ritrovo e partenza presso Piazza del Popolo a Ravenna alle ore 16 (previsti gruppi a numero limitato, su prenotazio- ne, in regola con i protocolli di sicurezza).

“GiovinBacco on tour: degustazione olio e vino a Brisighella”. Esiste un borgo nei colli di Faenza dove storia, cultura ed

enogastronomia convivono insieme in perfetta armonia. Esiste un borgo che, dall’alto, sorveglia le nostre immense colline. Esiste un borgo pronto ad accogliervi! Una gita saporita, per scoprire e degustare prodotti eccellenti in un angolo di Romagna incontaminato. L’esperienza ha durata totale di 5 ore e mezza. Ritrovo e partenza con pulmino privato presso il CinemaCity di Ravenna alle ore 9.00 (via Secondo Bini, 7). Arrivo a Brisighella e camminata culturale guidata del borgo dove si raccontano le curiosità e peculiarità del paese. Successivamente visita al frantoio artigia- nale “Terre di Brisighella/Ossani” con degustazione di olio. Poi visita alla cantina Treré con degustazione di vini in abbinamento a prodotti tipici. Ritorno previsto per le ore 14.30 a Ravenna (previsti gruppi a numero limitato, su prenotazione, in regola con i protocolli di sicurezza).

INCONTRI E LABORATORI

Slow Food organizza alcuni incontri e laboratori alla Sala Spadolini della Biblioteca Oriani in Via Corrado Ricci o presso il Mercato Coperto Ravenna in Piazza Andrea Costa.

VENERDÌ 23 OTTOBRE – Ore 19.30 – Biblioteca Oriani – I Sangiovesi dei territori di Romagna: Imola, Faenza, Forlì, Bertinoro, Predappio, Rimini – I produttori si raccontano. Conduce Piero Fiorentini. Degustazione di sei vini dei rispettivi territori.

SABATO 24 OTTOBRE – Ore 11 – Mercato Coperto – Alla scoperta dei formaggi a latte crudo – Relatore il casaro Guido Pinzani. Degustazione di formaggi a latte vaccino, pecora e capra. In abbinamento il vino dell’azienda Fondo San Giuseppe di Brisighella illustrato del titolare Stefano Bariani.

SABATO 24 OTTOBRE – Ore 15 – Mercato Coperto – Nel centenario della nascita del poeta, Graziano Pozzetto presenta il libro “Tonino Guerra. Il cibo e l’infanzia. Noi continuiamo a mangiare nei piatti della mamma”. Interverrà Lea Gardi per raccontare la collaborazione dell’associazione “Il Lavoro dei Contadini” nel realizzare “Il Giardino dei frutti dimenticati”.

SABATO 24 OTTOBRE – Ore 18 – Biblioteca Oriani – Progetto Tally: la piattaforma digitale per il marketing di prossimità – Presenta Gianluca Raimondi CEO di Slumdesign. Un nuovo modo per promuovere il territorio e i suoi prodotti. Tally genera esperienze grazie a un chip NFC oppure ad un QR Code. Per visualizzare un contenuto serve solo uno smartphone, per modificarlo un computer.

DOMENICA 25 OTTOBRE – Ore 11 – Mercato Coperto – Laboratorio per bimbi a cura di Slow Food Godo Bassa Roma- gna: “La Smielatura baby” con Cesare Brusi apicoltore a Cervia. Nell’antica arte di estrarre il miele dai favi saranno protagoniste le api, fondamentali per la salvezza del mondo. Degustazione di alcuni mieli.

DOMENICA 25 OTTOBRE – Ore 18 – Biblioteca Oriani – Vecchi vitigni riscoperti

Conduce Davide Casavecchia della Cantina Podere Palazzo di Carpineta Cesena. “Ramato della Fiamma” da un vitigno di 40 anni. Un vino unico (trebbiano) conservato, ritrovato e amato. “Caesena” Romagna Cesena Sangiovese superiore il primo Cesena Cru delle colline cesenati.

IL MERCATO DI MADRA E GIOVINBACCO

In Via M. Gordini e Via C. Ricci – sotto il portico – si tiene il Mercato agricolo di MADRA e il mercato di GiovinBacco nella sola giornata di domenica 25 ottobre. Il mercato apre alle ore 10 e chiude alle ore 20.

CENA FINALE A SEI MANI E PREMIO PIDOCCHIO D’ORO

Lunedì 26 ottobre alle ore 20.30 presso il ristorante Ca’ del Pino di via Romea Nord 295 a Ravenna, cena di chiusura con Marco Cavallucci, Matteo Salbaroli e Mattia Borroni tre grandi chef per una cena a sei mani. “Ripartiamo dalla terra per proteggere la biodiversità” sarà il filo conduttore della cena. Nell’occasione sarà consegnato a Oscar Turroni, Presidente del Gruppo Culturale Civiltà Salinara di Cervia, il premio “É bdòcc d’ör” (il pidocchio o cozza d’oro), riconoscimento assegnato da GiovinBacco ogni anno alle organizzazioni o alle personalità che hanno saputo valorizzare il territorio, la cucina e i prodotti d’eccellenza della Romagna.

ALTRE INIZIATIVE E COLLABORAZIONI

GiovinBacco, in collaborazione con Confcommercio, Confesercenti e con i ristoranti del territorio, propone anche quest’anno “Il Piatto GiovinBacco“, iniziativa volta a promuovere il Romagna Sangiovese di qualità sulle tavole e in cucina.

GiovinBacco continua a essere ambasciatore del Romagna Sangiovese in Italia, portando il nostro vino di eccellenza in decine di ristoranti e osterie della Guida Slow Food delle varie regioni. Prosegue poi la collaborazione di GiovinBacco con wine bar, forni e pasticcerie, gelaterie ed enoteche sempre all’insegna del Sangiovese.

GIOVINBACCO 2020 STILNOVO

RAVENNA 23 / 24 / 25 OTTOBRE